Nuovo eBook pubblicato: Il Codice Baphomet


Alla fine ce l'ho fatta. La gestazione del mio terzo romanzo è stata lunga, anche perché un autore che si auto-pubblica deve cercare di curare al meglio delle sue possibilità un lavoro prima di pubblicarlo. Devo essere onesto, soldi per pagare un editor non ce ne sono e allora, armandomi di buona volontà e di tutte le mie capacità, ho cercato di fare un lavoro dignitoso. Il prodotto finale, pubblicato per ora sul Kindle store di Amazon, è accettabile. Ho cercato di eliminare tutti i refusi; ho sistemato la trama in modo da renderla convincente; ho formattato al meglio il file così da rendere agevole la lettura sul Kindle e sugli altri eReader; per finire, ho dedicato parecchio tempo alla copertina (realizzata da me e della quale sono particolarmente fiero).
Ora Il Codice Baphomet è lì, sul Kindle store, pronto per essere scaricato al prezzo lancio di  €0,99. Insomma, in alcuni bar un caffè costa di più.
Ma di che cosa parla questo romanzo dal titolo così evocativo? Come si può immaginare, si parla del Baphomet, il leggendario idolo di cui i Templari furono accusati di essere adoratori. E se si parla di Baphomet si parla di Templari. Trattandosi però di un romanzo di Martin Rua, state pur certi che i miei Templari non sono descritti in maniera convenzionale e sono inseriti in una trama dallo stile... Rua appunto.
La storia si svolge principalmente in due fasi temporali che si alternano fra loro, più una terza che fa solo da prologo al romanzo. Si tratta di un romanzo di fantasia, di un thriller esoterico senza pretese di storicità. Nondimeno, ho inserito fatti storici realmente accaduti e personaggi realmente vissuti, calandoli, ovviamente, nella trama che ho costruito.
Le location, come negli altri romanzi, sono importanti: questa volta il mio alter ego si muove tra Napoli, Kiev e Roma, mentre ci sono altri personaggi che agiscono in una desolante Berlino nel 1945.
C'è mistero, esoterismo, azione, dolore e morte, speranza e amore.
E, al contrario degli altri due romanzi ambientati d'estate, c'è un freddo inverno che avviluppa ogni cosa.
E poi c'è lui, il Baphomet, che estende la sua lunga ombra nera su tutta la storia.
Vi auguro una buona lettura e non esitate a contattarmi per commenti, domande e, ovviamente, critiche.
Martin