Macerata, Forza Nuova e la scultura massonica della discordia

Quei "simpaticoni" di Forza Nuova hanno colpito ancora. E' di pochi giorni fa la notizia della comparsa - con tanto di logo FN - di una serie di adesivi su alcuni cartelli stradali di Macerata che insinuerebbero alla "massonicizzazione" della città marchigiana.

Motivo dell'ennesimo attacco è la diatriba non ancora conclusa tra l'amministrazione comunale e il Comitato cittadino “Stringiamoci a coorte”. Quest'ultimo ha proposto, già parecchio tempo fa, la collocazione di una scultura, una sorta di stele commemorativa recante i nomi delle 21 principali battaglie del Risorgimento e la scritta “Libertà, uguaglianza, fratellanza”, il tutto pagato dal Grande Oriente d'Italia.

Nelle parole di Tommaso Gollini, coordinatore provinciale di Forza Nuova “Le pochissime prese di posizione contro la statua dei politici cittadini denotano il tasso di assuefazione all’associazionismo segreto che infesta la classe politica maceratese. La massoneria – aggiunge – non è un’associazione normale, si basa sulla segretezza e ha finalità oscure. Né vanno dimenticate quelle cricche che, a livello nazionale, detengono il monopolio degli appalti milionari, dell’amministrazione scorretta del denaro pubblico, dell’uso fraudolento del sistema bancario e della distorsione degli apparati giudiziari al fine di favorire gli interessi dei ricchi, dei potenti o degli appartenenti alla cricca stessa”.

Siamo alle solite, trova uno spauracchio e scaricaci addosso paure e frustrazioni. La massoneria, poi, è il bersaglio preferito, sia da destra che da sinistra, di chi cerca un capro espiatorio affascinante ed evocativo. Perché la realtà delle cose è troppo squallida per prendersela con reali farabutti o criminali, è molto più suggestivo immaginare che dietro fatti di cronaca nera, imbrogli, macchinazioni, ci sia gente che indossa strani costumi e non consente a tutti di partecipare alle riunioni della propria associazione. Ma voi avete mai provato a partecipare, non invitati, a riunioni del Rotary club? Non credo siano così aperte a tutti. Perché allora non si sente mai dire che i rotariani sono farabutti, criminali o altro?
Mah, lasciamo perdere. In ogni caso la scultura proposta dal comitato Stringiamoci a Coorte dovrebbe essere più o meno così